Lettera dei dipendenti De Molli alla Prealpina